Leadership agile per trasformare e innovare

Il limite più grande per realizzare trasformazione in azienda?
Sottostimare il bisogno di innovazione, sottovalutare la necessità di organizzazioni più agili. Di persone più agili. Di leadership più agile.

Siate curiosi

Per trovare nuove soluzioni, vincere nuove sfide, rispondere a domande sempre più complesse, affrontare in modo vincente un mondo in cui sembra tutto già inventato e che vive di continue accelerazioni, liberare la creatività delle persone diventa fondamentale.

Così come costruire nuovi perimetri in cui muoversi autonomamente, sperimentare, trovare soluzioni.

Il leader che sa creare questi perimetri

01

sa quando e come costruire team agili per favorire lo sviluppo di innovazione

02

conosce il potere dirompente della diversità (di genere, cultura, razza, età, ma anche energia e soggettività) applicata già in fase di definizione del problema e non solo alla risoluzione.

I peggiori ostacoli per un leader nella trasformazione

La trasformazione digitale attraversa le organizzazioni orizzontalmente. E questo non è in linea con la vista a silos che domina ancora le aziende tradizionali.
Quali sono i peggiori ostacoli per i leader che vogliono capitanare la trasformazione, condurre l’innovazione?

 

> Il cambio di ritmo
> il gioco di squadra
> la visione sistemica.

 

Il cambio di ritmo. Dare grandi scossoni non è sufficiente: il leader deve saper cogliere le esigenze di consolidamento. Come pure avere le idee chiare oppure costruire progetti innovativi.

 

Il gioco di squadra. La trasformazione non si fa da soli. Se i team di direzione non erano una squadra prima, non lo diventano neanche dopo. E la spinta della trasformazione digitale mette in evidenza tutti i limiti della relazione AD/DG e prima linea.

 

La visione sistemica. La trasformazione deve riguardare il futuro dell’azienda nel suo complesso. E deve essere comunicata continuamente.

Agile e leadership

Agile sfida tutti sul concetto di leadership. I vecchi stili di “controllo e comando” dovrebbero ormai essere una cosa del passato, ma in realtà sono ancora molto presenti nelle aziende di oggi e non solo a livello di top management.

 

L’agile porta il self-empowerment a nuovi livelli e sfida le credenze tradizionali in cosa significa leadership.

01

Motivare attraverso l’empowerment per ottenere decisioni migliori

02

Facilitare la creatività e l’inclusività di un team ad alto impatto, sviluppando anche una cultura dell’apprendimento dagli errori

03

Gestire processi decisionali liberi da pregiudizi e automatismi

04

Negoziazione dei conflitti tra individui, team e organizzazioni

05

Garantire il successo attraverso la delega e potenti metriche basate su vincoli

06

Migliorarsi continuamente per rimanere rilevanti, dare l’esempio e costruire il proprio brand distintivo, anche in ottica di “personal social responsibility”

In primo luogo, i leader devono imparare a costruire team piccoli, diversificati, potenziati e connessi e a farli lavorare in un clima di “psychological safety”.

 

In secondo luogo, i leader devono consentire e incoraggiare i team agili a lavorare in cicli rapidi per consentire loro di offrire un valore maggiore in modo più efficiente e più rapido.

 

In terzo luogo, i leader devono mantenere i team agili focalizzati sul cliente esterno o interno e sulla creazione di valore per i clienti, comprendendo e affrontando le loro esigenze e, potenzialmente, anche i bisogni non riconosciuti.

Le sfide del leader “agile”

Essere: ibrido/a, leggero/a, inclusivo/a, trasformativo/a, mutante

Essere riconosciuto/a: avere un personal brand visibile, autentico e sostenibile (in collaborazione con Francesca Parviero)

Far accadere: semplificare, connettere, armonizzare paradossi ed ambiguità

Progettare: sostenibilità gestionale occupandosi di detox, energy and vitality

Il reskilling dei leader (e non solo) non è solo tecnologico

Secondo il World Economic Forum, entro il 2022 le prime tre competenze più importanti saranno:

01

pensiero analitico ed innovazione

02

apprendimento attivo e strategie di apprendimento

03

creatività, originalità ed iniziativa

Nel 2018 l’Harvard Business Review suggeriva di potenziare la creatività (originalità e unicità di pensiero) e l’intelligenza emotiva (empatia, sensibilità, compassione) da collegare fortemente a leadership, persuasione, assertività.

Leadership diffusa

Cambiamento continuo, organizzazioni agili, nuovi mondi del lavoro, carriere che durano sempre meno: dobbiamo diventare tutti e tutte più capaci di affrontare “professionalmente” il cambiamento personale ed organizzativo.

 

Per diventare più rilevanti, in ogni ruolo ricoperto, capaci di far accadere le cose, agili, rimanendo autentici.

zalaconsulting-risposte-leader-agili

Le domande cui abbiamo risposto

Nessuna organizzazione è uguale all’altra. Sviluppiamo progetti ad hoc per rispondere a specifiche domande, in contesti che approfondiamo con interesse.

Aziende di servizi

01

Come sviluppare un nuovo modello di leadership coerente con il nuovo modello di business e operativo?

02

Come allenare i giovani talenti a sviluppare un modello di leadership agile e moderno in modo da averli pronti per future posizioni manageriali?

03

Se il middle management non riesce a cogliere le discontinuità nello stile di leadership proposte dal vertice e a farle proprie, come può contribuire alla trasformazione aziendale?

04

Come aiutare i direttori a sviluppare una propria brand identity a supporto dell’employer branding?

05

Come trasformare i collaboratori in brand ambassador?

Aziende fintech

01

Come spostare il middle management da operatività, bassa delega ai collaboratori ed alto controllo ad un modello di leadership che includa engagement, applicazione di approcci agili, comunicazione inclusiva?

Ci hanno ispirato

Sparks Publication

The 7 Essential Attributes of Agile Leadership

Leon Purton

MITSloan Management Review

New Leadership Challenges for the Virtual World of Work

Alec Levenson e Patrick McLaughlin

Scrum.org

3 Steps to Becoming an Agile Coach

Jay Rahman

HRDIVE

Does the C-suite need upskilling?

Riia O’Donnell

Vuoi saperne di più?

Non sottostimare il bisogno di innovazione
della tua azienda.

I nostri focus

Zala sui social

Blog